Money.it srl a socio unico (Aut. Affinché un docente che ha completato l’iter universitario in Romania prendendo qui anche l’abilitazione all’insegnamento possa essere considerato abilitato anche in Italia è necessario che questo abbia frequentato la scuola rumena. L’accettazione della candidatura, infatti, è avvenuta con “riserva” visto che il Miur ha rimandato qualsiasi decisione definitiva al termine del procedimento amministrativo di riconoscimento dell’abilitazione estera. Lo stesso vale anche per le abilitazioni al sostegno conseguite in Romania che non saranno riconosciute come valide dal Miur per insegnare in Italia. Prima di tutto, lo studio ritiene che “il presupposto da cui parte il Miur è il provvedimento delle autorità Rumene, che riconosce una differenza tra i certificati recanti la dicitura Direttiva 2005/36/CE e quelli privi di tale indicazione. Pertanto, nel caso di mancata assoluta identità fra i titoli, il Ministero non può rifiutarsi di riconoscere il titolo estero, ma deve predisporre una misura compensativa per colmare il gap mancante. Il primo conferisce l’abilitazione all’insegnamento per le scuola elementare e scuola media inferiore, il secondo per i Licei e le scuole medie superiori. Procedimento di accreditamento dell’abilitazione docente in Romania; Una volta finito il corso si procederà con l’accreditamento dell’abilitazione all’insegnamento presso il Ministero rumeno dell’Educazione al fine di ottenere la certificazione necessaria per l’avvio del riconoscimento presso il MIUR. 2. Dall’altro lato, però, c’è la direttiva 2005/36/CE, che riconosce la possibilità di conseguire titoli negli stati membri dell’Unione Europea da farsi riconoscere nella propria nazione, che spesso sopperiscono alle lentezze burocratiche e politiche della macchina amministrativa italiana. Abilitazione in Romania, il Miur riconosce il titolo a un docente! 16 Dic | Comunicazione efficace a scuola Riconoscimento titolo di abilitazione all'esercizio della professione di Docente Pubblicazione Decreto Dipartimentale n. 437 del 22-03-2018 Pubblicazione Decreto Dipartimentale n. 731 del 02-05-2018 Il Miur nega il riconoscimento delle abilitazioni conseguite in Romania in contrasto con le direttive Ue secondo il parere della Commissione Europea Scuola Didattica Iscrizioni sempre aperte. " class="btnSearch">, MIUR: i docenti abilitati in Romania non possono insegnare in Italia, scattano i licenziamenti. Prendere laurea e abilitazione all’insegnamento in Romania non è sufficiente per insegnare in Italia: lo ha chiarito il Ministero dell’Istruzione con l’avviso n°563 pubblicato lo scorso 2 aprile. Abilitazione in Romania, il Miur non può rifiutarla: misure compensative per colmare il gap. Dopo un percorso di formazione psicopedagogico, tremila prof italiani hanno ottenuto dei decreti che riconoscono la loro abilitazione, in base alle legislazioni nazionali. Di redazione. Non sembrano esserci dubbi sulla legittimità della decisione del Miur che si fonda su quanto descritto dall’articolo 31 - comma I - della direttiva 2013|55|EU, nel quale si legge che: Se in uno Stato membro ospitante, l’accesso ad una professione regolamentata o il suo esercizio sono subordinati al possesso di determinate qualifiche professionali, l’autorità competente di tale Stato membro può permettere l’accesso alla professione e ne consente l’esercizio, alle stesse condizioni previste per i suoi cittadini, ai richiedenti in possesso dell’attestazione di competenza o del titolo di formazione [...] prescritto da un altro Stato membro per accedere alla stessa professione ed esercitarla sul proprio territorio. Abilitazione in Romania, Miur: non può essere riconosciuta. We would like to show you a description here but the site won’t allow us. Come affrontare le sfide della professione Cambiano le formule, non l’obiettivo: ottenere l’abilitazione all’insegnamento in Romania. Il MIUR ha fatto chiarezza in merito al riconoscimento delle abilitazioni all’insegnamento conseguite in Romania: sono validi solamente i titoli di coloro che hanno frequentato le scuole rumene. I docenti che abbiano conseguito l’abilitazione all’insegnamento all’estero (Paesi UE e Non UE) e vogliano esercitare in Italia la professione di docente, possono chiedere il riconoscimento del titolo professionale ai sensi della direttiva della direttiva 2013/55/UE, recepita in Italia con il decreto legislativo n. 15 del 28 gennaio 2016. Ebbene, il Miur ha previsto dei requisiti più specifici affinché un’abilitazione conseguita in Romania possa essere valida anche in Italia: nuove regole che porteranno molti insegnanti a perdere il posto oggi ricoperto. Gli studenti italiani venuti in Romania per effettuare i moduli psicopedagogici di livello 1 e livello 2 hanno conseguito un’abilitazione che nulla ha a che vedere con il Definitivato. Abilitazione in Romania: avviso n.5636/2019 del MIUR Abilitati in Romania: l'avviso n.5636/2019 di rigetto del MIUR è illegittimo nella parte in cui non riconosce alcun valore al titolo conseguito all'estero in violazione dei principi comunicati e giurisprudenziali dalla Corte di Giustizia Europea. Inoltre, per quanto riguarda invece la specializzazione sul sostegno, secondo il Ministero non ci sarebbe corrispondenza tra l’ordinamento scolastico italiano e quello rumeno, in cui i soggetti con disabilità frequentano apposite scuole speciali, a differenza di quanto avviene in Italia con l’integrazione nelle classi comuni degli alunni disabili o con bisogni educativi speciali. Ricorso Nota MIUR 5636/2019 sono aperte le adesioni per il riconoscimento in Italia del titolo di abilitazione conseguito in Romania. 0. SYRAI - SVT CORPORATION S.R.L. Giro di vite per le abilitazioni all’insegnamento conseguite in Romania: come indicato nell’avviso emanato dal Miur lo scorso 2 aprile, infatti, sono state introdotte - per volontà del Ministro Bussetti - delle nuove regole affinché l’abilitazione sia ritenuta valida anche in Italia. L’abilitazione all’insegnamento(TFA) per il 2020/2021, conseguita in Romania, ha validità in tutta l’Unione Europea, e quindi anche in Italia in applicazione della direttiva 2005/36/CE; recepisce tale normativa con il decreto legislativo n. 206 del 6 novembre 2007. Il Miur ha pubblicato un Avviso con il quale ha fornito dei chiarimenti in merito all’abilitazione e alla specializzazione su sostegno conseguite in Romania. Per questo motivo quei docenti ammessi con riserva ai quali oggi è stata assegnata una cattedra di ruolo saranno presto licenziati, a meno che laurea e abilitazione prese in Romania non siano arrivate in seguito ad percorso pre-universitario seguito sempre nello stesso Paese. Come avevamo già riferito, la nota del Miur argomenta il fatto che i titoli rumeni, non essendo considerati sufficienti per l’esercizio della professione di insegnante in Romania, non possono di conseguenza essere fatti valere a tal fine nemmeno in territorio italiano. 15 Dic | Insegnante resiliente. Lo stesso vale per coloro che sono iscritti alla II fascia della Graduatoria di Istituto e attualmente ricoprono un incarico di supplenza: questi, oltre a dover lasciare la cattedra saranno anche esclusi dalla II fascia poiché è riservata ai soli docenti abilitati. Non c’è quindi alcuna corrispondenza con l’ordinamento scolastico italiano dove invece l’alunno che necessita del sostegno è inserito direttamente nelle classi ordinarie. III Bis a favore di circa 500 abilitati all’insegnamento in Romania. A rischio migliaia di precari delle graduatorie di istituto, delle GaE ed i vincitori del concorso riservato agli abilitati del 2018, che attualmente stanno nella graduatoria del FIT, che potrebbero vedere vanificati gli sforzi degli ultimi anni, compresi i sacrifici economici sostenuti da chi ha deciso di ottenere un’abilitazione insegnamento in Romania, nella maggior parte dei casi perchè stufi di attendere i tempi biblici dello Stato Italiano per far partire nuovi corsi di abilitazione. 14 Gen | Esplorare il mondo con la matematica, SCOPRI TUTTI I NOSTRI CORSI Abilitazione in Romania, il Miur non può rifiutarla: misure compensative per colmare... risposta ad un esposto portato avanti dagli avvocati. Alla luce della sentenza in commento, e dell’intervenuto annullamento della nota Miur del 2.04.2019, si aprono quindi nuovi scenari per tutti i ricorsi ancora pendenti, proposti avverso il diniego al riconoscimento dei titoli di abilitazione e di sostegno conseguiti in Romania. 18 Dic | Democrazia, diritti e digitale In seguito alla nota pubblicata dal Ministero, abbiamo provato a contattare gli uffici di Viale Trastevere per avere un ulteriore chiarimento sulla vicenda. Il master di abilitazione all’insegnamento in Romania si divide in due livelli. Abilitazione docenti: i titoli acquisiti in Romania non hanno valore in Italia. Tutti gli altri perderanno il posto visto che il Ministero dell’Istruzione, dopo una lunga fase di riflessione, ha deciso di rigettare le domande di riconoscimento del titolo conseguito in Romania. Abilitazione Insegnamento in Romania – Scuola Media e Superiore. La vicenda dell’abilitazione insegnamento in Romania risulta davvero ingarbugliata: da un lato il Ministero vuole prendere le distanze da un percorso formativo, come quello della Romania, che non rispecchierebbe la formazione adeguata per diventare insegnante in Italia. La nota, tuttavia, può essere considerata una sorta di doccia fredda per tutti gli aspiranti, che già stanno attivando la macchina dei ricorsi. Il Miur ha sospeso l’iter di riconoscimento dei titoli d’abilitazione all’insegnamento conseguiti in Romania, richiedendo ai docenti una integrazione, ovvero “la regolare attestazione della competente autorità in Romania sul valore legale della formazione posseduta”. Come affrontare le sfide della professione, Il circle time nella classe cooperativa anche in Dad. Infatti lo stato rumeno non ha rilasciato il certificato richiesto dal Miur, senza il quale quest’ultimo non può riconoscere l’abilitazione. In un’intervista pubblicata su questa testata lo scorso 30 settembre, abbiamo riportato l’esperienza di una docente, laureata in Economia e Commercio nel 2004 all’Università di Catania, poi si è abilitata all’insegnamento qualche anno dopo frequentando il Pas all’Università Kore di Enna, che ha raccontato le difficoltà nell’ottenere il riconoscimento del titolo di specializzazione sul sostegno conseguito in Romania da parte dello Ministero. Questo avviso è molto importante perché si rivolge anche a coloro che essendo in possesso di un titolo abilitante conseguito in Romania (dove abilitarsi all’insegnamento risulta essere più semplice rispetto all’Italia) sono stati ammessi con riserva a partecipare all’ultimo concorso scuola riservato agli abilitati; lo stesso vale per chi al momento svolge un incarico di supplenza assegnato con lo scorrimento della II fascia della Graduatoria d’Istituto, nella quale possono essere inseriti solamente gli insegnanti abilitati. Infatti nulla si muove tra il Ministero di Bucarest e il Ministero dell'Istruzione italiano. Ma credo che la cosa da capire e' se effettivamente l'universita' rumena sia collegata con questa specie di ente italiano. Solamente qualora il Ministero avesse accertato la validità del titolo, quindi, gli effetti del concorso sarebbero diventati definitivi. has 1,190 members. PROSSIMI WEBINAR MASTER DI ABILITAZIONE ALL’INSEGNAMENTO IN ROMANIA. Bucarest la meta, ma anche Sofia. Money.it è una testata giornalistica a tema economico e finanziario. Riconosciuto il titolo abilitativo ottenuto in Romania! La circolare Miur del 2 aprile 2019, sostiene infatti che i titoli di abilitazione all’insegnamento e di specializzazione sul sostegno ottenuti in Romania, non sarebbero validi per diventare insegnante in Italia. Ecco chi rischia, Tredicesima docenti NoiPA 2020: quanto si prende e tempi accredito, Book Calling #8: “Il futuro del lavoro è femmina”, riflessioni su come (...), SPID: cos’è e come fare per richiedere l’Identità Digitale, DPCM dicembre sul Natale, il testo: tutte le misure annunciate da (...), App IO della Pubblica Amministrazione: come funziona e quali sono i (...). Preparazione ai concorsi, certificazioni e master, Registrazione al tribunale di Catania n. 75 del 21 aprile 1949 | P.IVA 02204360875 | Direttore responsabile Alessandro Giuliani, © Copyright 1998-2020 Tutti i diritti sono riservati. Un'abilitazione estera RICONOSCIUTA dal MIUR è valida e quindi non ha necessità di giudizio di alcun tipo, già il MIUR lo ha dato (non io, non tu, ma il ministero). La Commissione europea, in risposta ad un esposto portato avanti dagli avvocati, precisa che, secondo la giurisprudenza relativa al caso Morgenbesser, “spetta all’autorità competente (in questo caso all’Italia, ndr) verificare, conformemente ai principi sanciti dalla Corte nelle citate sentenze Vlassopoulou e Fernandez de Bobadilla, se, e in quale misura, si debba ritenere che le conoscenze attestate dal diploma rilasciato in un altro Stato membro e le qualifiche o l’esperienza professionale ottenute in quest’ultimo, nonché l’esperienza ottenuta nello Stato membro in cui il candidato chiede di essere iscritto, soddisfino, anche parzialmente, le condizioni richieste per accedere all’attività di cui trattasi”. Questo, però, vale solo in presenza delle “stesse condizioni”, che nel caso della Romania si considerano esistenti solo nel caso l’interessato abbia anche frequentato le scuole pre-universitarie nel territorio rumeno. Per rispondere, abbiamo sentito il parere dello studio legale Leone-Fell, che ha seguito la vicenda da vicino. Quello che si chiedono migliaia di aspiranti è: ma è legittimo tutto ciò? Ormai da quasi due anni, il MIUR ha sospeso la procedura di riconoscimento dei titoli di abilitazione all’insegnamento conseguiti in Romania, richiedendo ai soggetti interessati una integrazione documentale consistente in un certificato o “Adeverintia” nella lingua romena. 4, Judet Mures 540035 - Tirgu Mures, Romania Cod. 7 Gen | Il circle time nella classe cooperativa anche in Dad Inoltre, un’altra critica mossa dallo studio legale, che sostengono sulla base della risposta della Commissione Europea, è quella relativa al fatto che bisogna verificare caso per caso e per questo individuare una misura compensativa ad hoc. La nota Miur dello scorso 2 marzo 2019 ha aperto un piccolo giallo sulla vicenda abilitazione in Romania. D’altronde, lo stesso Governo rumeno ha pubblicato una nota di chiarimento con il quale ha specificato che “l’attestato di conformità degli studi con le disposizioni della direttiva 2005|36|Cu sul riconoscimento delle qualifiche professionali per i cittadini che hanno studiato in Romania al fine di svolgere l’attività didattiche all’estero si rilascia al richiedente solo nel caso in cui quest’ultimo ha conseguito sia studi di istruzione superiore/post secondaria sia studi universitari”. Chiedi informazioni. Non si potrebbe quindi, liquidare la vicenda abilitazioni in Romania con una nota che comprenda indiscriminatamente tutte le situazioni. La declaratoria di invalidità dei suddetti titoli, quindi, comporterà l’annullamento di qualsiasi procedura di reclutamento avvenuta - con riserva - sulla base degli stessi. Strada Aurel Filimon nr. intervista pubblicata su questa testata lo scorso 30 settembre, Un ritornello cinquantenario: “La scuola è da riformare”, Laurea e 24 cfu sono abilitanti: 3 nuove sentenze del Tribunale di Roma, Specializzati in Italia sul sostegno: inaccettabile il titolo conseguito all’estero, Le responsabilità del docente: penale, civile e disciplinare, Insegnante resiliente. Peccato che tale presupposto sia privo di fondamento poiché, come chiarisce la Commissione europea, è lo stato ricevente a dover “decidere” non quello in cui l’abilitazione è stata ottenuta”. Per far richiesta poi di riconoscimento in Italia . Abilitazioni in Romania, Miur dovrà chiarire se i ricorrenti possano insegnare in Romania. Costo del corso: € 8.500,00. Abilitazione presa in Romania: per il Consiglio di Stato è valida Con decreto monocratico 5732/2019 , il Consiglio di Stato ha accolto la richiesta di sospensione, presentata da un ricorrente patrocinato dallo Studio Legale Naso&Partners , del provvedimento con cui il Ministero dell’Istruzione ha rigettato la richiesta di riconoscimento dell’abilitazione presa in Romania. ... Ai fini del riconoscimento da parte del MIUR dunque è indispensabile che per alcune attività sia richiesta la presenza dello studente, ma altrettante attività possono essere svolte a distanza. Questo perché, come chiarito dall’avviso pubblicato dal Miur, in Romania esistono ancora le classi differenziali, con l’insegnamento di sostegno che viene impartito in apposite scuole speciali. Inoltre, la docente ha evidenziato la bontà del percorso formativo intrapreso, andando a smentire, almeno per quel che riguarda la sua esperienza personale, le voci secondo le quali si va in Romania per trovare scorciatoie per l’insegnamento. Un'abilitazione NON riconosciuta dal MIUR non esiste, non vale in Italia, dunque anche qua non c'è alcun giudizio da dare. I piani del Governo e delle Regioni più a (...), Scuole chiuse con il prossimo decreto? Tornati in Italia, i docenti hanno chiesto al Miur il riconoscimento dell’abilitazione e non un Sono tantissimi i docenti italiani che attendono il riconoscimento dell'abilitazione in Romania da parte del Miur. Autorizzazione Ricordiamo, infatti, che nell’ultimo concorso scuola riservato agli abilitati il Miur ha accolto provvisoriamente le istanze di partecipazione presentate da quei docenti che hanno conseguito l’abilitazione all’estero. Il risultato: tutte le richieste di riconoscimento dei titoli rumeni per l’abilitazione all’insegnamento e per la specializzazione sul sostengo, saranno respinte. ASSOCIAZIONE TUTELA ABILITATI ROMANIA (A.T.A.R.) Tuttavia, fino ad oggi, non abbiamo ricevuto alcun riscontro da parte del Ministero dell’Istruzione. I legali hanno fatto notare come tale nota sia “illegittima, poiché viola diverse disposizioni europee e nazionali, causando un pregiudizio per le migliaia di docenti che hanno conseguito l’abilitazione in Romania”. 11 Gen | Formare alla cittadinanza digitale 12 Gen | Facilitare la Didattica a distanza Francesco Leone-Nov 6, 2020. Abilitazione per l’insegnamento in Romania e Bulgaria (Nota Miur) ... Tanto che Bucarest non riconosce ai cittadini italiani che hanno conseguito la formazione pedagogica in Romania l’abilitazione ad insegnare nel Paese, poiché essi non hanno compiuto tutti gli studi in loco. La conseguenza di questo rimbalzo di competenze è che appunto tantissimi aspiranti sono rimasti senza riconoscimento del titolo. Questa Sentenza infine smentisce anche lo stesso Ministero dell’Istruzione. Ci giunge in queste ore notizia che il MIUR ora, consapevole della inidoneità dell’avviso n 5636 a produrre gli effetti di rigetto delle istanze degli abilitati in Romania come già argomentato dall’Avv. registrazione: 37 606 902 Partita Iva: RO 37 673 979 Questa novità riguarda diversi insegnanti, i quali presto potrebbero perdere il posto da loro ricoperto. ... Pubblicato in Archivio 2019 Argomenti: abilitazione estero, Precariato. conseguito l’abilitazione alla professione di docente. Riconoscimento abilitazione in Romania Abilitati in Romania: l’avviso n.5636/2019 di rigetto del MIUR è illegittimo nella parte in cui non riconosce alcun valore al titolo conseguito all’estero in violazione di principi comunitari e giurisprudenziali espressi dalla Corte di Giustizia Europea. del Tribunale di Roma N. 84/2018 del 12/04/2018. Nota Miur 5636/2019 e Abilitazione Romania 30 Aprile 2019 Il Ministero dell’Istruzione, mediante l’avviso n. 5636/2019 , ha pubblicato un documento ( Leggi la nota Miur ) a mezzo del quale il quale il Direttore Generale ha inteso rigettare le istanze di riconoscimento del titolo di abilitazione conseguito in Romania. Anche il percorso di studio pre-universitario, quindi, deve essere essere stato svolto in Romania affinché laurea e abilitazione vengano riconosciuti dal nostro ordinamento. La nota del Miur Formazione e reclutamento insegnanti, Bussetti: 'In cattedra a 26 anni, non a 30' >>, Commenti: MIUR: i docenti abilitati in Romania non possono insegnare in Italia, scattano i licenziamenti, Chiusura scuole con nuovo DPCM? Riconoscimento professione docente. 14 Dic | Le responsabilità del docente: penale, civile e disciplinare Articolo originale pubblicato su Money.it qui: Cerca nel sito: ROC n.31425) - P. IVA: 13586361001, $('#search-input').focus()); Titolo: Re: abilitazione in Romania Gio Set 13, 2018 12:12 am [quote:7863="ata2017"]Avevo controllato l'elenco del miur e non c'e'. La nota dello scorso 2 aprile pubblicata dal Ministero in merito alle abilitazioni in Romania, ha scosso una fetta di precari e aspiranti docenti che dopo aver ottenuto il titolo di abilitazione nello stato della Romania attendono che questo venga riconosciuto in Italia.